Cosa considerare quando si sceglie un sito di trading

Cosa considerare quando si sceglie un sito di trading

Chiunque abbia deciso, qualche tempo fa o più di recente, di iniziare a fare trading online per mezzo di siti web esterni a quelli di una Banca tradizionale, si sarà di certo reso conto del fatto che il mondo di Internet è pieno zeppo di domini dedicati a questo tipo di attività finanziarie. Una quantità sterminata di nomi, la cui mole può facilmente intimidire chiunque si affacci a questo mondo per la prima volta: un principiante, infatti, avrà di certo i suoi dubbi riguardo a chi affidare somme di denaro, grandi o piccole che siano, non avendo dalla sua l’esperienza necessaria per distinguere un’offerta da un’altra e da un’altra ancora.

Certamente, il passaparola rimane sempre e comunque un buon punto di partenza per sentirsi più tranquilli in campo di scelta della nostra prima piattaforma di trading: nel caso fossimo a conoscenza di amici, parenti, colleghi o comunque persone fidate, che hanno avuto esperienze nel mondo del trading online, rivolgere loro qualche domanda o chiedere loro consigli, aneddoti, o semplicemente di raccontarci le loro storie, può rivelarsi un ottimo incentivo ad avviarci nel mondo degli investimenti in rete con maggiore tranquillità. Chi di noi avrà la fortuna di potersi avvalere del consiglio di una persona a noi vicina, però, farebbe bene a tener sempre presente a quanto tempo fa risale l’esperienza di questa persona: se il nostro amico non vede l’ora di raccontarci in tutto e per tutto la sua avventura di broker online, risalente all’acquisto del suo primo Macintosh, forse faremmo bene a non prendere poi troppo alla lettera i suoi consigli! Come è ovvio (e come molti di noi avranno dopotutto già intuito), il mondo del trading online, così come il mondo della finanza in generale, per non parlare poi di quello ancora più generale di Internet, è in continua metamorfosi ed evoluzione. Con l’ampliarsi dell’offerta di piattaforme per fare trading in rete, vengono di continuo introdotte nuove funzionalità e regolamentazioni da parte dei Governi di tutto il mondo. Andiamo a vedere ora quali sono le caratteristiche più importanti da ricercare nel sito di trading di cui decidiamo di avvalerci, soprattutto quando siamo ancora alle prime armi e cerchiamo di districarci fra le innumerevoli opzioni che ci vengono offerte.

Per quel che riguarda l’Italia, il fattore da tenere in considerazione molto probabilmente di maggiore importanza è l’adesione alle normative imposte dalla CONSOB, ovvero la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. Si tratta di un organo governativo il cui compito, nel nostro caso, è quello di approvare i siti di trading online che operano sul mercato. Prima di iscriverci ad uno di questi ultimi, chiamati in termine tecnico intermediari, è necessario assicurarci che sia stato controllato e autorizzato ad operare dalla CONSOB.

Detto ciò, altri elementi da tenere in considerazione sono la trasparenza delle clausole contrattuali che il sito propone al nuovo iscritto, e la disponibilità del servizio clienti a chiarire eventuali dubbi. Molto spesso, infatti, i documenti riguardanti i termini e condizioni a cui deve sottostare un nuovo investitore sono complessi e pieni di terminologia tecnica: un sito che offre una versione semplice, accessibile e chiara delle proprie condizioni contrattuali, può già considerarsi un buon candidato. Se abbiamo ulteriori dubbi, inoltre, è buona pratica testare il servizio clienti già da subito, accertandoci che ci sia trasparenza nell’amministrazione dei dati degli utenti.

Molti altri fattori potrebbero essere qui elencati, a partire dalla popolarità o meno di una piattaforma di trading, eccetera, ma siamo certi che il buonsenso del lettore gli suggerirà di già come muoversi al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *